Stampa

India – Nato bimbo con un solo occhio

Postato in curiosita\'

Nato, in India, un bambino con un solo occhio, al centro della fronte e senza naso. Il bimbo è sopravvissuto un solo giorno.

I medici erano scioccati quando hanno consegnato il bambino, nato con taglio cesareo, alla madre Veena Chavan, di 34 anni.

Il Dr. Ashok Anand, docente di ginecologia presso l’ospedale, ha detto ai giornalisti, “Il bambino era affetto da ciclopia”.
L’esame, effettuato alla 32° settimana di gravidanza, aveva scoperto che il bimbo era idrocefalo, aveva acqua nel cervello.

Chavan non solo è addolorata per la perdita del figlio, ma è rimasta sconvolta dal fatto che non abbia avuto nemmeno la possibilità di vederlo.

“Questa è stata la mia terza gravidanza. Anche il secondo era idrocefalo, ed è morto subito. Mi era stato detto che anche questo aveva l’acqua nel cervello, ma non avrei mai pensato che il bambino nascesse con un occhio solo e senza naso”, ha detto ai giornalisti.
La testa, le spalle e la schiena erano coperti di pelo folto.
Chavan ha ora una sola bambina superstite, una figlia di 8 anni.

Sorprendentemente, questa forma di ciclopia si verifica in circa uno su 250 embrioni, ed è una rara forma di oloprosencefalia, che colpisce la parte anteriore del cervello, si forma durante lo sviluppo fetale.

I feti sono spesso persi all’inizio della gravidanza. Così, sono casi rari da vedersi. La causa è spesso il risultato di una mutazione genetica, anche se le madri alcolizzate e diabetiche sono a maggior rischio.

Nel 2006, l’India ha visto un altro bambino ciclopico nato nella città di Chennai. La bambina è sopravvissuta ed è stata portata a casa dai suoi genitori. Non si hanno ulteriori informazioni riguardo la sua sopravvivenza.

Un anno prima, una bambina con un occhio solo naque prematura in Russia ma morì quasi subito dopo essere nata.

Casi come questi sono stati documentati da centinaia di anni, ma anche prima si sono verificati. Il mitologico ciclope, Polifemo, risale all’antica Grecia e potrebbe essere stato ispirato da un bambino ciclope.

Nel libro di Armand Marie Leroi, il “mutanti”, egli descrive la prima illustrazione di un bambino ciclope, che compare nella edizione 1634 della “De Monstrorum,” dello scienziato italiano Fortunio Liceti.

Leroi scrive: “[Liceti] Nel 1624 descrive una bambina che è nata in Italia, e che, dice, aveva un corpo ben fatto, ma una testa di aspetto orribile. A metà del suo volto, al posto di un naso, c’era una massa di pelle che sembrava un pene o una pera. Sotto questo c’era un pezzo quadrato di pelle rossastra su cui si possono vedere due occhi molto ravvicinati, come gli occhi di un pollo. Anche se la bambina è morta alla nascita è raffigurata con le proporzioni di una bimba di 10 anni. ”

Nel libro, del 1896, “Anomalie e curiosità di Medicina, “Un bambino ciclope è descritto con” fessure mediana del labbro superiore, appendici preauricolare, deformità orale, e la presenza di una proboscide al posto del naso. “Ha vissuto per 73 ore.

Un feto di ciclope, conservato in formalina, è stato donato al Museo Mütter di The College of Physicians di Philadelphia nel 1960 – anche se la sua età esatta non è nota – ed è in esposizione nella mostra permanente di teratologia. Sopra il suo unico occhio e sotto un naso non funzionante a forma di una proboscide.

In mostra anche un feto maiale ciclope – solo un esempio che dimostra come la malattia colpisca anche gli animali.
Nel 2005, un gattino nato con un occhio solo in Oregon, balzò sui titoli dei giornali nazionali. Chiamato Cy, il gattino è sopravvissuto un solo giorno. Il suo corpo è stato congelato e successivamente venduta al Lost World Museum in Phoenix, N. Y. Ora è conservato in un barattolo di vetro riempito con alcol e ha raccolto emozioni contrastanti da quelli che lo hanno visto. “Dipende da come le persone sono schizzinose”, ha detto Christen Adolfi, co-proprietario del museo. “I genitori hanno chiesto di mettere in guardia i visitatori dello spettacolo orrendo. La maggior parte sono però affascinati”.

Secondo Leroi, le cause del verificarsi di questa patologia nei feti degli animali possono insorgere se i feti vengono riscaldati, raffreddati, irradiati, privati di ossigeno, o esposti a etere, cloroformio, alcol, o semplicemente sale da tavola”.

E nel 1950, aggiunge, il Western Stati Uniti ha studiato un focolaio di agnelli nati ciclopi, ed hanno scoperto che le mamme gravide pascolavano su un terreno dove vi era la presenza di gigli una pianta che contiene una tossina che si chiama Cyclopamine, che può causare queste malformazioni, ma è anche un ottimo anti-tumorale, sembra.
Guarda la galleria Incredibile world troverai altre stranezze del genere.
E’ possibile riprodurre l’articolo citando chiaramente la fonte